Cartucce e Toner

Cartucce e Toner

24 Febbraio 2021 Off Di Redazione

Con questi due termini si identificano dei materiali consumabili per stampanti che in realtà, pur svolgendo la stessa funzione, quella di permettere la stampa su di un foglio, offrono qualità e caratteristiche di prodotto ben differenti così come il mercato cui si riferiscono.

Cartucce e Toner: differenze e caratteristiche

Nonostante spesso questi due termini vengono utilizzati come sinonimi, cartucce e toner sono in realtà due prodotti separati e distinti.

Toner CartucceCon il termine cartucce si indicano i contenitori di inchiostro liquido (monocolore o multicolore), a volte con testina di stampa abbinata, che permettono la stampa mediante spruzzatura dell’inchiostro sul foglio. Oltre alla colorazione nero sono presenti i colori ciano, magenta e giallo per le stampanti a colori. La testina provvede a spruzzare microscopiche goccioline di inchiostro sul foglio ed a imprimerlo così con immagini o parole. La stampa risulta definita e con un ottima resa grafica a costi contenuti e facilità di utilizzo. Questo sistema è indicato per le necessità di casa o di un piccolo ufficio.

I toner hanno invece la caratteristica di essere composti da particelle solide (polvere) di ossido di ferro, carbonio e resina. Anche essi possono essere multicolori oltre che neri e vengono utilizzati nelle stampanti laser. Attraverso questo procedimento di stampa le particelle vengono eccitate e depositate sopra il foglio per poi essere fissate da un rullo ad alta temperatura. Ne risulta una stampa un po’ meno dettagliata di quella a getto di inchiostro ma assai più rapida e pertanto il ricorso a questi macchinari è indicato per studi professionali o aziende che trattano moli importanti di carta da stampare rapidamente. A tuttoggi anche le stampanti multifunzione utilizzano sia l’una che l’altra modalità di stampa, permettendo quindi al fruitore di scegliere tra cartucce e toner e andando incontro alle differenti esigenze del mercato.

Vedi Anche:  Prestiti d'onore studenti Luiss Guido Carli

Cartucce e Toner: Smaltimento Toner Esausti e Consumabili da Stampa

L’accresciuta coscienza ecologica sociale e le grandi quantità di consumabili utilizzate al giorno d’oggi rispetto al passato hanno condotto non solamente la legge ma anche l’opinione pubblica in generale a preferire una modalità eco compatibile di smaltimento di questi materiali che risultano inquinanti sia per il loro contenuto sia per il materiali in cui sono fatti che comprende materiali plastici e metallici.Smaltimento Toner Esausti Se il privato procede per lo più a buttarli nella RSU o a convogliarli presso i centri di raccolta dei servizi di nettezza urbana, le aziende sono invece obbligate al loro smaltimento toner esausti presso i soggetti che forniscono loro tali materiali consumabili i quali sono tenuti al ritiro anche perchè alcuni di questi sono riutilizzabili mediante nuovo riempimento (cosiddetta rigenerazione delle cartucce e dei toner).

l costo di stampa di una pagina è sostanzialmente uguale, è bene dirlo, questo perché a fronte di un maggior costo iniziale delle stampanti laser e dei loro toner, la differenza la fanno la durata ed il numero di stampe effettuabili, nettamente superiori a quelle delle stampanti a getto di inchiosto, le quali soffrono, in caso di scarso utilizzo delle stesse, di problemi di asciugatura della testina stessa con necessità di sostituzione della cartuccia quando non anche della testina di stampa medesima.

Per smaltire correttamente i materiali stessi a fine vita ci si può rivolgere a una ditta di professionisti, che sapranno effettuare il recupero cartucce usate e toner esausti secondo normativa e nel rispetto dell’ambiente.